• Telefono: +39–0245479606

Category Archives: Uncategorized

Categories Uncategorized

Nuovi dissuasori Security Line: con Hörmann, la sicurezza è più elevata

Robusti, sicuri e disponibili in più versioni per differenti utilizzi, i dissuasori Security Line Hörmann sono tutti caratterizzati da un identico design, a vantaggio della gradevolezza e della coerenza estetica.

I modelli automatici, azionabili da una centralina di comando che può essere montata fino ad una distanza di 80 m dal dissuasore, sfruttano l’eccellenza del sistema di trasmissione del segnale BiSecur, che deve la sua totale sicurezza all’utilizzo di una codifica AES 128, standard riconosciuto e utilizzato a livello internazionale e impiegato anche per l’online banking. Su richiesta, le soluzioni automatiche Hörmann possono essere dotate inoltre di funzione rapida EFO (Emergency Fast Operation) che fa sì che i sistemi si sollevino entro 1,5 secondi, in  caso di situazioni di emergenza. I modelli automatici possono essere forniti infine di automazione elettromeccanica integrata per frequenze d’uso medie, di automazione idraulica integrata per frequenze d’uso elevate o di cilindro in materiale irrobustito (versione RI-H) per una protezione particolarmente elevata e certificata.

Categories Uncategorized

Protezione e vigilanza dei confini statunitensi

La questione della protezione e della vigilanza dei confini territoriali degli Stati Uniti con il Messico ha radici storiche risalenti già dal 1821, ovvero, dalla dichiarazione di indipendenza da Madrid di quest’ultimo.

Diviene poi di centrale importanza l’annessione dei territori del Texas, dell’attuale New Mexico e della California agli Stati Uniti d’America che hanno di fatto contribuito all’inasprimento dei rapporti tra gli States e il governo messicano, caratterizzato da conflitti armati e interruzione dei rapporti commerciali. Si ricorda il tentativo del presidente Càrdenas di nazionalizzare le compagnie petrolifere, decisione che ha creato danni alla statunitense Standard Oil, e quindi, una conseguente forte rottura dei rapporti diplomatici.

Solo con l’avvento della II Guerra Mondiale avviene una riapertura dei canali commerciali tra i due confinanti, infatti, gli Stati Uniti avevano bisogno di acquisire la maggior quantità possibile di materie prime dal Messico e così venne formalizzato il famigerato “Programma Bracero”.

Rapporti che nel tempo vengono a migliorare tra i due paesi confinanti, anzi, vi è un allargamento degli interessi degli stati del continente americano che vedono l’adesione anche del Canada agli accordi commerciali del piano NAFTA – North American Free Trade Agreement – sottoscritto dai tre paesi nel 1994.

Migliorati i rapporti tra gli States e il Messico nel campo diplomatico e commerciale, gli unici problemi sono rappresentati dall’imponente traffico di droga e dall’immigrazione clandestina in ingresso negli USA.

Già nei primi anni ’80 il governo statunitense ha posto in essere programmi di prevenzione al traffico della cocaina, si pensi che circa l’85% della sostanza stupefacente che finiva nelle strade degli States proveniva dal Messico.

Uno dei primi provvedimenti che il governo statunitense assume è la costruzione di una barriera fisica, ovvero, la linea di confine viene rafforzata con strutture murarie o alte reti sorvegliate e protette.

Nonostante ciò gli ingressi clandestini sono continuati, e nel 2005 venne posta in essere la famigerata Operation Streamline, dove il reato di immigrazione clandestina vede la celebrazione di processi di massa per direttissima, e circa il 99% degli imputati, una volta giudicati colpevoli venivano fatti rientrate nel paese di provenienza.

Per contrastare tali minacce le agenzie di sicurezza e protezione, quindi, hanno sviluppato e poi adottato tecnologie all’avanguardia, tra questi il sistema di sorveglianza EO/IR (Electro-Optical/Infrared), sistemi radar e sistemi di comunicazioni “COMINT”.

Si tratta di una tecnologia tanto versatile da poter essere installata su mezzi terrestri, mezzi aerei o marittimi e gestiti direttamente dagli operatori.

Già nel 2010 il Dipartimento della Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti, il Dipartimento delle Dogane e Protezione dei Confini (DBP) hanno istituito l’Ufficio di Innovazione Tecnologica e Acquisizione (OTIA).

Il DBP è responsabile della protezione delle frontiere terrestri, marittime ed aeree degli Stati Uniti dal flusso dell’immigrazione clandestina, ma anche per prevenire il traffico di droga o di eventuali minacce di natura terroristica. È un organo che assiste il personale operante sulle linee di frontiera, il cui compito è quello di potenziare ed aggiornare tutte le tecnologie di comunicazione e protezione.

Tra i programmi sviluppati, e poi abbandonati, vi era il sistema SBInet, ovvero, un complesso sistema costituito da diverse postazioni fisse munite di fotocamere e sensori radar di sorveglianza.

fonte https://www.safetysecuritymagazine.com/articoli/protezione-e-vigilanza-dei-confini-statunitensi/

Categories Uncategorized

Perché il sistema di sicurezza dei supermercati necessita di immagini termiche

Recenti studi effettuati da NEXO nel settore della distribuzione alimentare, hanno rilevato che le differenze inventariali delle giacenze hanno portato le aziende di vendita al dettaglio a perdere oltre l’1% del loro fatturato annuale. Una combinazione tra le disonestà dei dipendenti, il taccheggio, le frodi dei venditori ed alcuni errori amministrativi hanno portato i gestori dei negozi a perdere grandi quantità di entrate su base giornaliera. Le entrate perse non sono percepite solo dai rivenditori ma vengono trasmesse ai consumatori in quanto le aziende anticipano queste perdite e le incorporano nei loro modelli di prezzo. Il taccheggio, rimane comunque la principale causa di ammanchi di magazzino per supermercati e negozi di alimentari.

Grazie alla vasta gamma di prodotti esposti e al flusso costante di persone all’interno e all’esterno, i supermercati sono gli obiettivi ideali per i ladri, e i negozi di alimentari sono tra i più colpiti dal taccheggio. Secondo la National Association for Shoplifting Prevention, i ladri sottraggono ogni giorno più di 35 milioni di $ di beni.

Ridurre i furti del “fresco” grazie alla tecnologia termica

Secondo i test sul campo della NEXO, il cibo fresco ha avuto il maggiore impatto sulle perdite di reddito e sugli ammanchi di inventario. È impossibile giustificare il costo di un’eventuale etichettatura anti-taccheggio degli alimenti freschi, poiché il più delle volte l’attrezzatura necessaria a tal fine costerebbe più del prodotto stesso e potrebbe incidere sulla qualità e sulla freschezza. La mancata capacità di tracciare e mettere in sicurezza tali articoli porta a dare una maggiore importanza alla sicurezza di prodotti come carne fresca e congelata, pollame, pesce, formaggio, bevande e alcolici.

A causa della complessa disposizione della maggior parte dei supermercati, raramente è possibile controllare tutto. A volte un sistema di videosorveglianza tradizionale, per quanto avanzato, potrebbe non essere sufficiente anche se supportato da sistemi di sicurezza e antifurto.

Grazie ai progressi della tecnologia, i test di NEXO hanno scoperto che ora è possibile ridurre le perdite fino al 50% rilevando oggetti nascosti addosso ad una persona. È noto che i ladri indossino abiti larghi che permettono di nascondere certi oggetti senza essere scoperti – nessuno potrebbe immaginare che nascondano qualcosa. Le telecamere termiche, in questo caso, ne consentirebbero il rilevamento poiché i sensori di calore sono in grado di identificare alimenti freschi o congelati contro il calore corporeo dei ladri e quindi impedire che il furto si verifichi.

 

Categories Uncategorized

Il codice penale all’articolo 633 sanziona la condotta di chi abusivamente e senza l’autorizzazione del titolare, invade edifici o terreni, pubblici o privati, al fine di occuparli o di trarne altrimenti profitto. Il reato in questione, tuttavia, va  escluso se l’occupante, sebbene privo dei requisiti e delle condizioni richieste per l’assegnazione, abbia l’autorizzazione del precedente legittimo detentore.

(fonte immagine et http://www.ilquotidianodellapa.it/_contents/news/2018/ottobre/1540751448676.html